Facebook

Search

Ricorsi

Mobilità 2016 – Errori algoritmo – LA CORTE DI APPELLO DI VENEZIA condanna il Miur per il trasferimento illegittimo dalla Puglia al Veneto.

[gview file="http://www.studiolegaleberloco.it/web/wp-content/uploads/2018/10/cda-Ve-25-ott-18.pdf"] E' del 25.10 .18 la decisione della Corte di #Appello di #Venezia, che ha  accolto un nostro ricorso in tema di #mobilità 2016 mettendo fine ai patemi di una #docente durati oltre 2 anni! Con il ricorso l'insegnante aveva contestato la circostanza che il #Miur l'avesse trasferita d’ufficio dalla #Puglia al #Veneto ed avesse invece attribuito ad altri docenti con minor punteggio (e partecipanti alla stessa fase della procedura) altre sedi disponibili in provincia di Bari. Aveva, inoltre, contestato che in una diversa e successiva fase della stessa procedura (fase D) fossero stati attribuiti altri posti in provincia di Bari. Il #Tribunale di #Treviso ha rigettato il ricorso affermando che il criterio di assegnazione delle sedi prescindesse dal punteggio...

Continue reading

Corte di Appello di Trento, sez. lav del 19/10/18 – Risarcimento danni per abuso del contratto a termine –

Con sentenza del 19.10.18, la Corte di appello di Trento conferma il risarcimento,  in favore del ricorrente, del danno da reiterazione abusiva di contratti a termini, liquidato nella sentenza di primo grado nella somma corrispondente a tre mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto. La Corte ha correttamente rilevato che anche se per gli anni scolastici impugnati l'incarico non è stato dato su posto disponibile ma su posto cd. organico di fatto, in ogni caso la durata dei contratti, la continua reiterazione e il fatto che siano stati ripetuti presso lo stesso istituto depongono unicamente per l'esistenza di  esigenze permanenti e durevoli, e...

Continue reading

PERSONALE EDUCATIVO, categoria dimenticata e “maltrattata”! Aperte le adesioni per chiedere il risarcimento danni al Miur (che può ammontare finanche a 12 mensilità).

È noto che questo personale, appartenente a tutti gli effetti al ruolo dei docenti, vive da oltre 15 anni una situazione di gravissima precarizzazione; gli educatori, infatti, pur essendo inseriti nelle graduatorie ad esaurimento sin dal 2002, cioè da quando hanno conseguito l’abilitazione con concorso bandito dal Miur, sono stati esclusi sia dal piano straordinario di assunzioni previsto dalla legge n. 107 del 2015, sia dai concorsi che in questi anni sono stati riservati al solo al personale docente. A ciò aggiungasi il blocco degli organici, ciò significa che possono anche triplicare il numero degli alunni, ma il numero dei lavoratori...

Continue reading

ASSEGNAZIONI ILLEGITTIME – ERRORE ALGORITMO – Sent. del Trib. del lavoro di Forlì del 20.1.18

Un altro colpo inflitto alla cd "Buona scuola", l'ennesimo!!! La ricorrente, coniugata e madre di un minore di 6 anni, è una docente di scuola primaria assunta a tempo indeterminato con la l. 107/15. Residente in Lucera (FG), veniva  assegnata ingiustamente per l'as 2016/17 ​ in una sede lontana per errore del cd. algoritmo. Per l’anno scolastico 2016/17 la ricorrente, per tutelarsi dal danno derivante dalla illegittima condotta avversa, usufruiva di un periodo di aspettativa non retribuita, fino al 31.08.17. Nel mentre proponeva ricorso al Tribunale di Forlì. Per l’ anno scolastico 2017/18, la ricorrente non otteneva assegnazione provvisoria nella provincia di residenza e, pertanto, prendeva servizio in data...

Continue reading

Trib. Bari, sez. lav del 17.1.18. Abuso contratto a termine: anche se stabilizzato con la L. 107/15, il docente/ata va risarcito per l’abuso verificatosi negli anni di precariato precedenti l’immissione in ruolo

In tema di abuso del contratto a termine nella scuola ci sono giudici del lavoro del Tribunale di Bari che applicano il diritto, senza lasciarsi condizionare da sentenze filogovernative: " (...

Continue reading

Assegnazioni illegittime – decreto del Trib di Forlì n. 2380 dell’11.12.2017

E' trascorso esattamente un anno dal deposito del ricorso cautelare d'urgenza con cui l'insegnante, moglie e madre di 2 figli, veniva assegnata illegittimamente ad una sede di servizio distante oltre km 450 dalla propria abitazione, ovvero da Castelluccio Dei Sauri (FG), sua città di residenza, a Cesenatico (FC), dove è stata costretta improvvisamente  a trasferirsi in un appartamento preso in fitto con altre colleghe, lontana dai suoi affetti. Il ricorso veniva respinto poichè - a parere del Tribunale del lavoro di Forlì - non sussisteva alcun pregiudizio a danno della ricorrente. Di tutt'altro avviso lo stesso Tribunale, ma in fase di reclamo...

Continue reading

Piovono risarcimenti su Ata e docenti con più di 36 mesi di precariato!!

Un ottobre caldo per il Miur, costretto ancora una volta ad eseguire le sentenze del Tribunale di Bari che riconoscono risarcimenti ai docenti e ata con più di 36 mesi di lavoro precario presso la stessa scuola e per lo svolgimento delle stesse mansioni!!! Il Giudice del lavoro ha applicato i principi dettati dalla Cassazione a novembre 2016 sent 23866, per cui  l’abusiva successione dei contratti a termine può configurarsi anche in proposito qualora “vi sia stato un uso improprio o distorto del potere di organizzazione del servizio scolastico”. Questa circostanza, sempre ad avviso della Suprema Corte, costituisce oggetto di onere...

Continue reading

IL SERVIZIO PRE-RUOLO É VALUTATO PER SUPERARE IL VINCOLO DEL QUINQUENNIO SUL SOSTEGNO.

[gview file="http://www.studiolegaleberloco.it/web/wp-content/uploads/2017/09/Trib-Bari-del-2.8.17.pdf"] [gview file="http://www.studiolegaleberloco.it/web/wp-content/uploads/2017/09/Trib-Taranto-del-9.6.17.pdf"] [gview file="http://www.studiolegaleberloco.it/web/wp-content/uploads/2017/09/Trib-Trani-del-20.6.17-.pdf"] Secondo molti Tribunali Pugliesi ( e non solo!) gli anni di servizio pre–ruolo resi su posto di sostegno sono validi ai fini del superamento del vincolo di permanenza quinquennale su posto di sostegno. E grazie alle ordinanze cautelari presentate a Trani, Bari e Taranto in vista della mobilità 2017/18, tutti i ricorrenti da sett 2017 hanno iniziato a lavorare su posto "comune". Visto le numerose richieste e per ragioni organizzative, si invitano coloro che vogliono aderire ai nuovi ricorsi a compilare le schede allegate in calce; sarà premura dello studio scrivente contattarvi in tempi ragionevoli. [gview file="http://www.studiolegaleberloco.it/web/wp-content/uploads/2017/09/foglio-notizia.pdf"] [gview file="http://www.studiolegaleberloco.it/web/wp-content/uploads/2017/09/SCHEDA-INFORMATIVA.pdf"]...

Continue reading

Algoritmo – Mobilità 2017/18 – Errore nell’assegnazione – Trib. Trani, ordinanza del 5.9.17

Ennesima vittoria che conferma le lacune del cd. algoritmo! La ricorrente, residente nella provincia Bat (Puglia),  aveva partecipato alla procedura di mobilità dettata dalla Legge cd. Buona scuola e  assegnata illegittimamente d'ufficio in provincia di Parma. Per l'anno scolastico 2016/17 aveva ottenuto assegnazione provvisoria nella propria provincia di residenza ma, in vista della mobilità 2017/18, certa di subire ulteriori pregiudizi, ha agito in via cautelare per far dichiarare illegittima l'assegnazione attribuitale dal sistema dell'algoritmo. Il Trib. di Trani, con un orientamento ormai consolidato, conferma le motivazioni dell'insegnante, obbligando il Miur ad adottare tutti i provvedimenti idonei per la tutela del diritto...

Continue reading

Abuso del contratto a termine nel Comparto Sanità – Pubblicata la prima sentenza post Corte di Cassazione a Sezioni Unite

[gview file="http://www.studiolegaleberloco.it/web/wp-content/uploads/2017/07/sent.-Medici-vs-Asl-Fg-29.6.17.pdf"] In data 29.6.17 il Tribunale di Foggia si è pronunciata riconoscendo l'uso illegittimo del contratto a termine da parte dell'Asl Fg nei contronti di una dottoressa farmacista, riconoscendole un risarcimento pari a 10 mensilità lorde dell'ultimo stipendio percepito. E' una delle prime sentenze di merito favorevoli, o forse proprio la prima, con cui un medico dipendende dell'Asl Fg viene risarcito senza dover allegare e provare il danno: è stato sufficiente documentare  la illegittima reiterazione oltre i 36 mesi di lavoro presso la stessa struttura e per lo svolgimento delle stesse funzioni! Il giudice del lavoro adito ha, tra l'altro, correttamente applicato i...

Continue reading