Facebook

Search

Sentenze

Passaggio di ruolo: il Miur condannato a versare ad una docente barese la somma di €24.922,13.

IL SERVIZIO MATURATO IN ALTRO RUOLO VA RICONOSCIUTO PER INTERO !!! Un docente che ottiene il passaggio di ruolo, ad es. dalla scuola primaria a quella secondaria, ha diritto a conservare nel suo attuale ruolo l’intera anzianità maturata in quello precedente? ASSOLUTAMENTE SI. E' quanto disposto dal Tribunale di Bari - sez. lav. sentenza del 27.1.20,  il quale, confermando un orientamento ormai consolidato, specifica che "ogni ipotesi di passaggio del personale docente da un ruolo ad un altro della scuola (da un ruolo inferiore ad uno superiore o viceversa), anche se avvenuto a seguito di superamento di un concorso, dà luogo al riconoscimento per...

Continue reading

Algoritmo “impazzito”: docente pugliese ottiene trasferimento da Foggia a Legge grazie alla sent del Tribunale di Foggia del 14.11.19!

L’algoritmo della mobilità 2016/2017 è stato il responsabile del caos nei trasferimenti dei docenti. E' stato definito "confuso, lacunoso, ampolloso, ridondante, elaborato in due linguaggi di programmazione differenti, di cui uno risalente alla preistoria dell’informatica, costruito su dati di input gestiti in maniera sbagliata." Nel corso degli ultimi 3 anni anche i Tribunali se ne sono accorti, e stanno confermando anche nel merito i provvedimenti cautelari già adottati. E' di pochi giorni fa la sentenza del Tribunale di Foggia n. 4711/19 con cui il Miur è stato condannato ad assegnare una docente di Lecce in via definitiva all'ambito Puglia 017 (Lecce) anzichè...

Continue reading

Docente del Conservatorio di Musica risarcito dal Tribunale di Cosenza con sent. del 29 luglio 2019: sei mensilità per aver lavorato più di 36 mesi

I tribunali del lavoro continuano a dare ragione ai lavoratori precari della scuola e a confermare l'abuso del contratto a termine per chi ha lavorato per oltre 36 mesi. E dopo le numerose vittorie ottenute da questo studio legale in tante Regioni, partendo da Trento, sentenza della Corte di Appello del 19.10.18, passando per Bari con la sent del 17.1.18 e per  Rovigo con la sent. dell'11.3.16, ancora andando a Torino, sent 819/15, e via scorrendo, anche il Tribunale del lavoro di Cosenza, con sentenza pubblicata il 29.7.19, ha bacchettato il Miur e ha riconosciuto illegittima la reiterazione di contratti a...

Continue reading

MOBILITA’ 2019/20 – Superamento vincolo sostegno: si conteggiano anche gli anni del pre ruolo!

Sulla scia delle numerose vittorie ottenute dallo studio scrivente in occasione della mobilità 2017/18 e 2018/19, anche quest’anno i docenti che con  la mobilità 2019/20 hanno chiesto il trasferimento su posto comune pur non avendo 5 anni di ruolo sul sostegno, possono farlo senza irragionevoli e illegittime discriminazioni. E' del 10 maggio 2019 l'ordinanza  del Trib del lavoro di Trani che ha accolto le richieste dell'insegnante e ha ordinato all’amministrazione resistente "di porre in essere tutti gli atti necessari a consentire alla ricorrente la partecipazione alla procedura di mobilità per il trasferimento sul posto comune, alla stregua di docente appartenente da cinque...

Continue reading

Abuso del contratto a termine – Confermato il risarcimento a carico dell’ASL

Confermato il risarcimento danni  - pari a 6 mensilità lorde - disposto del Tribunale di Trani al ricorrente, dirigente medico, per abuso del contratto a termine oltre i 36 mesi. La CdA di Bari con pronuncia del 7.3.19 ha correttamente osservato che l'apposizione dei termini a contratti  e  proroghe senza l'espressa indicazione delle esigenze temporanee ed eccezionali è illegittima. Come è stato precisato da Cass. 27-4-2010 n. 10033, l'apposizione di un termine al contratto di lavoro è consentita dall'art. 1 del d.lgs. n. 368/2001 a fronte di ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, che devono risultare specificate, a pena di inefficacia,...

Continue reading

Abuso contratto a temine nella PA – sent del 18.12.18 – la Corte di Appello di Bari conferma l’illegittimità della condotta dell’Asl Fg!

La CdA di Bari  ha correttamente osservato che l'apposizione dei termini a contratti  e  proroghe senza l'espressa indicazione delle esigenze temporanee ed eccezionali è illegittima. Come è stato precisato da Cass. 27-4-2010 n. 10033, l'apposizione di un termine al contratto di lavoro è consentita dall'art. 1 del d.lgs. n. 368/2001 a fronte di ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, che devono risultare specificate, a pena di inefficacia, in apposito atto scritto,  in modo circostanziato e puntuale. Nel caso di specie i contratti, proroghe e relative delibere di autorizzazione indicavano ragioni generiche, che nascondevano, in realtà, vere e proprie carenze strutturali dell'organico!! Difatti: “(..)...

Continue reading

Mobilità 2016 – Errori algoritmo – LA CORTE DI APPELLO DI VENEZIA condanna il Miur per il trasferimento illegittimo dalla Puglia al Veneto.

[gview file="https://www.studiolegaleberloco.it/web/wp-content/uploads/2018/10/cda-Ve-25-ott-18.pdf"] E' del 25.10 .18 la decisione della Corte di #Appello di #Venezia, che ha  accolto un nostro ricorso in tema di #mobilità 2016 mettendo fine ai patemi di una #docente durati oltre 2 anni! Con il ricorso l'insegnante aveva contestato la circostanza che il #Miur l'avesse trasferita d’ufficio dalla #Puglia al #Veneto ed avesse invece attribuito ad altri docenti con minor punteggio (e partecipanti alla stessa fase della procedura) altre sedi disponibili in provincia di Bari. Aveva, inoltre, contestato che in una diversa e successiva fase della stessa procedura (fase D) fossero stati attribuiti altri posti in provincia di Bari. Il #Tribunale di #Treviso ha rigettato il ricorso affermando che il criterio di assegnazione delle sedi prescindesse dal punteggio...

Continue reading

Corte di Appello di Trento, sez. lav del 19/10/18 – Risarcimento danni per abuso del contratto a termine –

Con sentenza del 19.10.18, la Corte di appello di Trento conferma il risarcimento,  in favore del ricorrente, del danno da reiterazione abusiva di contratti a termini, liquidato nella sentenza di primo grado nella somma corrispondente a tre mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto. La Corte ha correttamente rilevato che anche se per gli anni scolastici impugnati l'incarico non è stato dato su posto disponibile ma su posto cd. organico di fatto, in ogni caso la durata dei contratti, la continua reiterazione e il fatto che siano stati ripetuti presso lo stesso istituto depongono unicamente per l'esistenza di  esigenze permanenti e durevoli, e...

Continue reading

MOBILITA’ 2018-19 – Superamento vincolo sostegno: si conteggiano anche gli anni del pre ruolo!

Sulla scia delle numerose vittorie ottenute dallo studio scrivente in occasione della mobilità 2017/18, anche quest'anno i docenti che hanno voluto partecipare alla domanda di mobilità 2018/19  per il trasferimento su posto comune, possono farlo senza irragionevoli e illegittime discriminazioni. Difatti, ai fini dell'ammissibilità della domanda e ai fini del superamento del vincolo quinquennale devono essere valutati anche gli anni di sostegno svolti nel pre ruolo. E' quanto dispone il Tribunale di Trani nell'ordinanza del 7.5.18, secondo cui è palesemente illegittima la norma che prevede la possibilità di chiedere il trasferimento al ruolo solo dopo 5 anni di appartenenza al ruolo dei docenti...

Continue reading

ASSEGNAZIONI ILLEGITTIME – ERRORE ALGORITMO – Sent. del Trib. del lavoro di Forlì del 20.1.18

Un altro colpo inflitto alla cd "Buona scuola", l'ennesimo!!! La ricorrente, coniugata e madre di un minore di 6 anni, è una docente di scuola primaria assunta a tempo indeterminato con la l. 107/15. Residente in Lucera (FG), veniva  assegnata ingiustamente per l'as 2016/17 ​ in una sede lontana per errore del cd. algoritmo. Per l’anno scolastico 2016/17 la ricorrente, per tutelarsi dal danno derivante dalla illegittima condotta avversa, usufruiva di un periodo di aspettativa non retribuita, fino al 31.08.17. Nel mentre proponeva ricorso al Tribunale di Forlì. Per l’ anno scolastico 2017/18, la ricorrente non otteneva assegnazione provvisoria nella provincia di residenza e, pertanto, prendeva servizio in data...

Continue reading